Informazioni

Produttori

Latest posts

Come scegliere una cornice

521 Views 19 Liked

Scegliere una cornice non è un compito facile, è vero, vanno considerati e valutati attentamente diversi fattori. Dobbiamo essere un pò architetti, un pò designer, artisti e arredatori. Però, il risultato finale sarà la giusta ricompensa per le energie investite. Un'opera incorniciata bene, diventa un tutt'uno, unico elemento indistinto, cornice e soggetto si fondono e valorizzano reciprocamente creando un'armonia estetica, espressione concreta della nostra creatività esposta in parete.
In oltre quarant'anni di attività noi di Risso Cornici, abbiamo avuto la fortuna di lavorare a stretto contatto con artisti, architetti e clienti con spiccate doti creative, assorbendo e maturando competenze specifiche in tutte le fasi di sviluppo della cornice, dalla progettazione alla realizzazione. Saremo lieti di condividere con te questa esperienza, per affiancarti nella scelta della cornice perfetta per le tue esigenze.

Mi serve una cornice...

Il motivo che spinge a cercare una cornice può nascere da differenti necessità, l'approccio classico, è dato dall'esigenza di incorniciare un soggetto, sia esso un disegno su carta un dipinto su tela o un oggetto. Ma può scaturire anche da problematiche differenti, come una parete vuota da arredare, una cassaforte da coprire ecc. Tralasciando momentaneamente i casi particolari, come: specchiere, medaglieri, cornice per televisore, cornici vuote, ecc. (che tratteremo in fondo all'articolo, o forse in un nuovo articolo... o forse mai).
Concentriamoci sull'esigenza più classica, quella di incorniciare un soggetto.

Come prima cosa dobbiamo valutare attentamente il soggetto da incorniciare, dobbiamo considerare:

Supporto, contesto, esigenze

  • Supporto,
    Capire su che materiale è stata realizzata l'opera da incorniciare è di fondamentale importanza.
    Controlliamo lo spessore, se il materiale sul quale è stata realizzata l'opera è carta o comunque un materiale sottile, non ci sono particolari problemi per la cornice. Se invece il supporto è di alto spessore, come una tela intelaiata o un dipinto su pannello, dobbiamo scegliere una cornice con un battente adeguato, in modo da coprire interamente lo spessore del soggetto.
    L'identificazione del supporto è utile anche per valutare la corretta tecnica di fissaggio, se è su carta, come fotografie, disegni, acquerelli o stampe, spesso necessita di passepartout in cartoncino e vetro. Altrimenti se il supporto è rigido, come legno, forex, plexiglass, cartone telato ecc. il vetro, è facoltativo, ha solo una funzione protettiva.

  • Contesto
    Sapere dove la cornice andrà posizionata è un'informazione importante ai fini dell'incorniciatura. Il contesto geografico (città, mare, monti, ecc.) l'arredamento, lo stile, e i colori delle pareti devono essere attentamente valutati per scegliere la cornice nel modo corretto. Importante considerare anche eventuali atre cornici presenti nella parete o nella stanza di destinazione.

  • Esigenze
    Consideriamo le nostre esigenze primarie, poniamoci delle domande:
    cosa voglio ottenere dalla cornice? Voglio ingrandire il quadro? voglio esaltare i colori? ho esigenze conservative? Quanto sono disposto a spendere?

  • Estetica, conservazione e costo.

  • Vedrete come ogni decisione che prenderete nel percorso di creazione della cornice influirà direttamente, e spesso sensibilmente sulla variazione di questi tre elementi.
    La decisione finale, si baserà sempre sul giusto compromesso dei suddetti fattori.
    Ma andiamo ad analizzare nel dettaglio i tre elementi, anzi, i due, perchè il costo è sempre una conseguenza di scelte estetiche e conservative.


    Montaggio fluttuante
    Montaggio fluttuante

  • Estetica:
    Da molti considerata fattore fondamentale, se non unico elemento di valutazione, è il risultato visivo.
    Dato dalla perfetta unione di elementi distinti come cornice e passepartout che sapientemente valutati nella forma e nel colore si fondono in una perfetta armonia visiva. Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace...
    L'estetica è ovviamente soggettiva, gli stili, i colori e i materiali possono essere combinati in molti modi diversi.
    Fatti salvi alcuni concetti assoluti di proporzioni e buon gusto, è possibile esprimere la propria creatività in piena libertà, nella cornice, nel passepartout o nel montaggio. La conoscenza delle teorie di percezione visiva, non sono indispensabili, ma possono aiutare molto nella scelta degli abbinamenti cromatici.

  • Conservazione:
    L' incorniciatura, oltre ad esaltare l'estetica del soggetto ha anche una funzione conservativa.
    Questo aspetto, seppur molto importante, sul territorio nazionale, contrariamente a quanto succede all'estero, viene spesso trascurato, se non completamente ignorato.
    L'incorniciatura conservativa comporta l'utilizzo da parte del corniciaio di tecniche e materiali particolari, che proteggano e conservino il soggetto garantendone la reversibilità allo stato originale.
    Fra i materiali principali dell' incorniciatura conservativa ci sono i passepartout privi di acidi, il vetro con filtro UV, colle e nastri reversibili.
    Ogni soggetto ha un valore particolare, che merita di essere preservato nel tempo. Valore che può essere economico, storico o affettivo. Nei nostri laboratori teniamo molto in considerazione l'aspetto conservativo dell' incorniciatura, investiamo molto tempo ed energie nella ricerca e nello studio di tecniche e materiali conservativi.


L'incorniciatura è composta da vari elementi:

La cornice, il passepartout, fissaggio, vetro, retro, sigillatura, attaccaglia.



La cornice:
Normalmente realizzata in legno, si può trovare in varie essenze e finiture più o meno pregiate.
Cornici lineari ed essenziali sono consigliate per dare all' incorniciatura uno stile moderno e contemporaneo.
Il colore della cornice può riprendere una tonalità del soggetto, il consiglio è cercare di creare l'abbinamento con un colore di fondo o comunque distribuito in maniera uniforme, per evitare di sbilanciare cromaticamente l'opera.
Finiture classiche oro/argento o tonalità neutre, sono più facili da abbinare rispetto al colore.

cornici_su_misura
Cornice artigianale Risso Cornici



Il passepartout:

Separa il soggetto dalla cornice, la sua funzione è quella di alleggerire esteticamente il soggetto evitando l'effetto chiusura della cornice, utile anche per ingrandire il quadro.
In cartoncino per soggetti su carta, in legno laccato o rivestito di tela per dipinti su tela.
La scelta della forma e del colore, deve essere effettuata valutando attentamente il rapporto con il soggetto e con la cornice che si pensa di utilizzare.
Dal punto di vista conservativo, il passepartout ha una funzione molto importante, è a contatto diretto con l'opera, inoltre separa il soggetto dal vetro evitando ponti termici.
Nei nostri laboratori usiamo come standard minimo passepartout Crescent Whitecore acid free, tamponati con carbonato di calcio hanno una riserva alcalina del 3-5% per un ph 7.7-8.5. Sono disponibili passepartout di qualità museale per l'incorniciatura conservativa in puro cotone 100% quindi privi di lignina, come i crescent RagMat.
Per passepartout di particolare impatto visivo, usiamo la serie Victoria di Caneva con spessore di 3mm.


Passepartout conservativo
Passepartout creativo


Il vetro:
Elemento indispensabile per le opere su carta, protegge il soggetto frontalmente.
I nostri vetri sono particolarmente adatti per le cornici, hanno uno trasparenza particolare e uno spessore di soli 2mm. per ridurre il peso finale della cornice.
Come vetri speciali per la conservazione, usiamo Ultravue UV70 prodotto da Truvue, che oltre a essere un vetro extra chiaro e garantire una trasparenza cristallina, è virtualmente invisibile annullando quasi completamente il riflesso della luce. Caratteristica più importante ha un filtro di protezione che blocca il 70% dei raggi UV, proteggendo e preservando l'integrità dell'opera incorniciata.
Per protezioni museali, disponiamo di vetri conservativi con filtro di protezione al 99%.

ultravue70
Vetro Ultravue UV70 TrueVue


Fissaggio:

La tecnica di fissaggio varia a seconda del tipo di soggetto che dobbiamo incorniciare, al tipo di tecnica che vogliamo utilizzare e al grado di conservazione. Per soggetti su carta come stampe, fotografie o disegni, normalmente vengono utilizzati nastri di carta appositi, noi usiamo come standard minimo i nastri Filmoplast P, Filmoplast P90 plus e Filmoplast SH della Neschen. Questi nastri  sono privi di acidi e reversibili con acqua, non rovinano quindi le opere incorniciate. Per montaggi particolari o incorniciatura conservativa usiamo nastri Lineco o carta giapponese come supporti e metilcellulosa o colla di amido come collanti.
Dal punto di vista estetico, la tecnica di fissaggio scelta incide sull'aspetto visivo finale, tecniche particolari come il montaggio fluttuante, creano giochi di profondità e ombre che donano all'opera piacevoli sensazioni estetiche.


filmoplastp
Nastro per fissare il soggetto Filmoplas P di Neschen


Retro:

Per fissare il "sandwich" (vetro, passepartout, soggetto) creato serve un retro di chiusura.
Nei nostri laboratori usiamo come standard minimo i cartoni in microonda Corri-cor della Crescent privi di acidi.
Corri-Cor in alpha cellulosa 100% con trattamento anti umidità, o Foam Board in polistirene espanso sono disponibili per esigenze particolari.

Sigillatura:

La sigillatura del retro ha la funzione di impedire alla polvere o agli eventuali insetti di entrare all'interno della cornice.
Esistono principalmente due tecniche di sigillatura, con carta fissata sul retro della cornice o con nastri direttamente sul cartone retro per sigillare le aperture.

Attaccaglia:

Elemento finale ma indispensabile, serve per appendere il quadro. Esistono varie tipologie di attaccaglia, può essere singola o doppia per quadri di grandi dimensioni. Su incorniciature moderne si tende a utilizzare attaccaglie nascoste che rendono il sistema di fissaggio invisibile. Anche se oggi, le tendenze dell'arredamento contemporaneo, usano inserire la cornice appoggiata a mensole o al pavimento, più che appesa in maniera tradizionale.


Insomma, queste, semplificando, sono le caratteristiche principali da considerare per realizzare una cornice su misura. Ovviamente, per esigenze di scrittura abbiamo sintetizzato molto, casi e montaggi particolari, richiedono tecniche e materiali particolari. Come hai visto creare una cornice non è semplice, comporta scelte e decisioni di tipo estetico e conservativo che possono variare di molto il risultato finale.
Se vuoi essere affiancato in questo percorso decisionale, anche solo per un preventivo, puoi venirci a trovare nei nostri laboratori.
Saremo lieti di studiare insieme a te la soluzione migliore per realizzare la cornice dei tuoi sogni.

Leave a comment